07 Mag

Allergia, prodotti per una corretta prevenzione

Le allergie rappresentano una minaccia per la qualità della vita come ad un percorso ad ostacoli, pieni di divieti, precauzioni e restrizioni. Ma come può succedere tutto questo? Perché il nostro organismo reagisce in maniera così eccessiva quando incontra una sostanza?

Le risposte sono principalmente due:

  1. Il riconoscimento da parte del nostro organismo del SELF dal NON SELF
  2. Sovraccarico tossinico dell’organismo

Nel primo caso l’organismo si chiede se una sostanza è nostra, cioè SELF oppure se proviene dall’esterno, cioè NON SELF. Nel caso in cui la sostanza è NON SELF il nostro sistema dovrà decidere se è buona e fa bene o cattiva e fa male.

Per arrivare a riconoscere il SELF dal NON SELF si metteranno in atto tutta una serie di reazioni: BIOFISICHE, CIBERNETICO-QUANTISTICHE e BIOCHIMICHE.

In poche parole, la sostanza estranea emette tutta una serie di messaggi, sotto forma di frequenze che andranno a cercare altre frequenze corrispondenti nel nostro organismo, vale a dire, emissioni elettro dinamiche degli organi che sono formati da molecole ed atomi.

Da ciò nascerà un procedimento chimico nel nostro sistema biologico che giudicherà il SELF, buono e beneficamente utilizzato dal NON SELF cattivo da eliminare.

Nella pratica quotidiana il nostro organismo sa fare questa valutazione,  sia se si manifesti come una allergia o una intolleranza, ma se ci troviamo di fronte ad ERRORI DI VALUTAZIONE da parte del nostro sistema immunitario,  attraverso i linfociti T, che possono essere in calo o in alterazione della loro forza d’azione, e, che per questo, non riusciranno a produrre una risposta congrua, e  giudicheranno dannose e pericolose delle normali molecole appartenenti a sostanze utili, come per esempio il cibo, o innocue, come i pollini saremo di fronte ad una fastidiosa  allergia.

Quindi, la manifestazione allergica è determinata dall’incapacità  del nostro organismo  di gestire il disguido immunitario a causa di sovraccarico di tossine che inficiano il funzionamento dei linfociti T, facendogli superare i limiti delle sue capacità di compensazione. Questo evento creerà una sequenza a catena, ed in seguito una iperproduzione di anticorpi, IGE, che comporterà un’ulteriore autointossicazione che peggiorerà la sintomatologia preesistente.

Basterà una minima introduzione di alimento o polline, per un’attivazione del sistema immunitario con un’eccessiva risposta che si manterrà nel tempo, tramite la memoria  immunologica che si prolungherà all’infinito, con la comparsa dei sintomi tipici dell’allergia a secondo del sistema colpito.

Nel secondo caso possiamo parlare di intolleranze, di cui ci occuperemo in un altro momento, in quanto non trattasi di memoria genetica, ma di semplice saturazione da  intossicazione che può dare dei sintomi simili all’allergia.

Le allergie sono molteplici come le pollinosi, l’asma bronchiale, le riniti, le enteriti, la dermatite o l’orticaria e con l’evoluzione dell’allergia e dei suoi sintomi ci possono anche essere più componenti allergiche incrociate, come rinite ed asma, oppure allergia alimentare e pollinosi.

Il contatto con gli allergeni avviene soprattutto tramite la pelle e le mucose, l’aria che respiriamo e gli alimenti. Tra gli alimenti più allergizzanti abbiamo le uova, il latte, le noci, pomodori, ed alcuni tipi di pesce.

Gli allergeni respiratori più comuni sono i pollini di alberi a pollinazione breve, pollini di piante come le graminacee, le composite, le orticacee e una numerosa varietà di erbe come il fieno, e poi peli di animali, acari della polvere domestica e miceti.

L’allergia può essere latente o manifesta con un lieve sintomatologia oppure molto violente con forti sintomi.

In ogni tipo di intossicazione si avrà una reazione caotica del nostro sistema di base, il quale attiverà un processo difensivo di infiammazione nel tentativo di compensare i danni di queste sostanze,  riconosciute come pericolose.

Ma prima di presentare un piccolo elenco di prodotti utili alle allergie vorrei parlare di un altro aspetto  del quale raramente si parla, in quanto, come appena detto si descrive come e perché si possono presentare i sintomi da un punto di vista biologico-somatico ma non delle caratteristiche energetiche frequenziali ed elettro dinamiche del nostro corpo con cui esso reagisce. In parole brevi le nostre emozioni.

Alla luce delle nuove scoperte delle neuroscenze, sappiamo che il nostro sistema cerebrale comunica con il resto del nostro organismo tramite una fitta rete neuronale attraversate da vere e proprie scariche elettriche che descrivono, tramite vibrazioni, uno stato emotivo. Ovviamente non parliamo di una singola emozione o momento, ma una reiterazione di uno stato emozionale prolungato nel tempo. Ora senza addentrarsi in maniera profonda nell’argomento diciamo che l’allergia, in base alle sue caratteristiche, esprime un profondo disagio emotivo.

In generale le allergie sono provocate da una situazione che non viene accettata o che risveglia il ricordo di emozioni dimenticate, farò qualche esempio:

  • Allergia legata a qualcosa che non si riesce più a sopportare, per esempio quando si dice: Non posso più sopportare questa situazione il corpo può reagire manifestando un’allergia.
  • Allergia legata a un ricordo sgradevole, per esempio: io non voglio più vedere questa scena, legata alla vista di una sostanza, come potrebbe essere un fiore o un cibo, prendendo come manifestazione il soffocamento, vuol dire aiutatemi ad uscire da questa scena insopportabile. Non bisogna dimenticare che il cervello limbico non memorizza solo l’emozione, ma tutti gli elementi che fanno parte dell’episodio e quando ci si trova si trova di fronte a questi simboli (animali, piante, cibo) veniamo riportati nella scena dolorosa o sgradevole che abbiamo vissuto. Sempre per continuare negli esempi se si proviene da un’esperienza dolorosa fisica e quindi non si sopporta più essere toccati in nessun modo, in quanto si innesca l’equazione emozionale essere toccati=mancanza di rispetto e questo è collegato alla presenza di una certa sostanza, al contatto di quest’ultima potrebbe scatenare pruriti, rossori o quant’altro.

Questi sono soli pochi esempi che posso descrivere in questa occasione, ma ogni tipo di allergia tramite le sue manifestazioni, rappresenta un’emozione non LIBERATA che viene espressa tramite il corpo.

In questo caso, riconoscere l’emozione e l’aiuto di fiori di bach può fare la differenza.

E’ utile dire che spesso l’intervento di un allergologo, soprattutto nei casi più violenti delle manifestazioni, è determinante, ma un primo passo, decisivo, consiste anche nell’eliminazione delle tossine per alleggerire dal carico tossinico globale il sistema immunitario.

In un secondo momento è utile rigenerare e rinforzare il sistema immunitario indebolito scegliendo tra numerosi rimedi naturali.

I rimedi, come già detto, sono tanti e molti sono connessi a varie metodologie, vi voglio mostrare solo una piccola parte di essi ed a un settore nel campo della FITOGEMMOTERAPIA di ultima generazione, cioè, le già conosciute metodologie Olistiche integrate ed assemblate tenendo in considerazione le ultime scoperte della Fisica Quantistica, della Biocibernetica e della Tecnica Informazionale.

Già sappiamo che l’acutizzazione del problema consiste in un ingorgo tossinico del sistema, pertanto,  è utile tenere pulito il nostro  organismo con drenaggi profondi e completi con un trattamento di 3 mesi da ripetersi ad ogni cambio di stagione. In seguito si prosegue con una prevenzione specifica dell’allergia con 2 principali prodotti:

A questi prodotti vanno aggiunti Spray nasali, pomate, spray gola ed altro ancora, specifici per l’allergia, che vanno a mitigare i sintomi più comuni. Un altro prodotto importante che accompagna i suddetti trattamenti è ALODRENA che continuerà a tenere pulito il sistema dalle tossine Endogene, Ige, tossine accumulate, tossine Esogene, allergeni ed altri elementi tossici esterni. Questo drenante, è ottenuto mediante la miscelazione di 4 estratti gemmoderivati di piante diluite in succo di aloe vera. Tale composto ha una forte attività DRENANTE, EQUILIBRANTE e REGOLATRICE.